menu +

News ed eventi recenti


8 q

VINO: FEMMINILE PLURALE

Il 23 febbraio alle 18,30 Gaetana Jacono interviene
sul tema raccontando la sua esperienza in Valle dell’Acate.
Condotto da Vittorio Ferla.

 

Visibile sul canale Youtube GnamGlam
o su fb

Ascolta il podcast.

VALLE DELL’ACATE INAUGURA IL SUO PRIMO WINE CLUB
E LANCIA L’E-COMMERCE IL MEGLIO DELLA SICILIA SUD ORIENTALE
A PORTATA DI CLICK

 Il vino da sempre ha accompagnato l’uomo nella storia. Il vino è cultura. La cultura è un filo che risale la storia e non si interrompe mai, si tramanda, si prende dal passato e si porta nel futuro”: è il pensiero di Gaetana Jacono, responsabile della cantina Valle dell’Acate, da sei generazioni una delle realtà vitivinicole più importanti della Sicilia sud orientale, che vanta un patrimonio naturalistico, artistico e architettonico unico al mondo. Read more…

di Loredana Ficicchia

Troppo audace la proposta del barone siciliano. Spe­rava di fare della sua terra, nella provincia più a Sud d ‘Italia, una cooperativa di produttori modello Tren­tino Alto Adige. Era il 1981 e Vittoria era il centro siciliano più attivo nell’esportazione del vino destina­to al mercato francese. Giuseppe Jacono davanti alla diffidenza dei tanti produttori locali, che unanimi scuotono la testa, getta la spugna e va avanti da solo forte dell’esperienza dei suoi avi. A quel tempo, Ga­etana, sua figlia, era solo una bambina, e nessuno avrebbe immaginato che dopo la laurea in Farmacia, sterzasse per occuparsi dell’azienda di famiglia, ‘Val­le dell’Acate”, per portare nel mondo il suo “Cerasuo­lo’, e con esso le meraviglie della sua Sicilia. La storia ce la racconta lei stessa in un pomeriggio di fine agosto. Arriviamo nel Feudo Bidini, tra i colli sinuosi formati dal fiume Dirillo (in epoca romana chiamato Achate) con un grosso fuoristrada. Il percorso nell’ul­timo tratto è scosceso, ma rimangono scolpiti negli occhi gli affascinanti appezzamenti ricamati di muri a secco che delimitano i campi fino a perdersi tra le dune sabbiose e le scogliere del Mediterraneo più africano. Siamo nella culla del Cerasuolo di Vittoria doc, data di nascita: 1973. “Niente a che vedere col Cerasuolo d’Abruzzo” ­ avverte Gaetana­ una donna adrenalinica, sportivissima e dagli occhi vivaci che a fianco dell’enologo Carlo Casavecchia, ha dimostrato che il Cerasuolo può essere un vino di lungo invec­chiamento (Iri da Iri, espressione di una sola vigna dell’Altopiano Biddine Soprano). Ed ecco il vecchio palmento chiuso a corolla da sette terre, la cui diver­sità regala unicità e identità ai vini. Ristrutturare il vecchio palmento e la dispensa, edifici affascinanti che evocano vendemmie cantate da giovani donne scalze, e botti che rotolano nei porti per imbarcarsi nelle navi mercantili, è il primo atto di un’immer­sione totale, la messa a fuoco di un nuovo percorso di vita, che intreccerà passione, sentimento e vis imprenditoriale.

8 q

Dal 6 al 10 novembre Valle dell’Acate partecipa alla versione digitale del Merano Wine Festival.
Registrati gratuitamente e incontraci virtualmente per conoscere le novità del 2020.

8 q

La commissione di The WineHunter Award 2020
ha premiato tre vini Valle dell’Acate:
2013 Iri Da Iri Cerasuolo di Vittoria DOCG
2019 Il Frappato Vittoria Frappato Biologico DOC
2016 Bidis Sicilia Chardonnay DOC

8 q

Sabato 30 e domenica 31 maggio un’edizione speciale di Cantine Aperte tutta virtuale.

Sul sito iorestoacasa.delivery sarà possibile scoprire le cantine che hanno aderito alla manifestazione (nella sezione “cantine vino”) e acquistare i pacchetti proposti.

Questi i nostri pacchetti realizzati in esclusiva per la manifestazione.

Read more…

8 q
Trekking in vigna
10Mag
2020

Una nuova esperienza enoturistica è disponibile per i clienti di Valle dell’Acate.

Vivi la vera essenza del terroir della Valle del fiume Dirillo, immergiti nel mare verde dei vigneti che decorano la splendida tenuta di Valle dell’Acate, passeggia tra le vigne e respira a pieni polmoni la magica atmosfera dei luoghi dove, grazie al sapiente lavoro dell’uomo, crescono grappoli d’uva destinati a diventare vino. Sarete accolti al baglio della tenuta, da un Sommelier/trekker che vi racconterà la storia della famiglia Jacono e vi condurrà alla visita dell’antica bottaia e del palmento di fine ‘800 per poi fare un Light-trek di circa 3 km. Al rientro, su un suggestivo poggio, una degustazione guidata di tre vini accompagnati da pane di casa, olive e “ciappe” (pomodoro secco). Un’esperienza unica, rivolta a tutti!

durata: 120/180 minuti
costo:
30 euro a persona (minimo 4 persone)

8 q

Sul numero di dicembre di DiWineTaste nella sezione “I vini del mese” sono stati segnalati alcuni vini Valle dell’Acate.

8 q

Giovedì 14 novembre nella galleria Quid di Palermo è stata inaugurata la mostra di Caterina Guttuso “Tornatore nella pittura”, una celebrazione del cinema di Peppuccio Tornatore.
La pittrice ha cercato di cogliere e intrappolare in una tela l’essenza di dieci dei film più significativi del regista, abbinando ad ogni quadro un piatto della tradizione siciliana e, di conseguenza un vino.
I cinque sensi sono i protagonisti nel vivere questo progetto. Lo chef della galleria Quid ha rielaborato le suggestioni della pittrice, rispettandone lo spirito e aggiungendo la sua interpretazione ai piatti da lei proposti. I vini della cantina Valle dell’Acate, abbinati ai menu, completano l’esperienza enogastronomica, arricchendola di piacevolezza e sicilianità.

torna su