menu +

News ed eventi recenti


8 q

di Anita Sciacca

Vigneti secolari scorrono su morbidi colli e circondano una tenuta storica, che apre le sue porte e rileva ricette e sapori di una terra unica e di una grande famiglia del vino siciliano

«Il vino accompagna l’uomo nella storia. Il vino è cultura e la cultura non s’interrompe: si tramanda. Si prende dal passato e si porta nel futuro». Così inizia il racconto di Gaetana Jacono che con passione e determinatone gestisce l’azienda di famiglia Valle dell’Acate, in provincia di Ragusa. L’amore per le sue origini, per la conoscenza della viticoltura tramandata di generazione in generazione, per il territorio tra Ragusa, Vittoria e Modica in cui sorge —uno dei più morbidi e pieni di fascino della Sicilia — e per il Cerasuolo di Vittoria, uno dei vini più antichi della regione: sono questi i motivi che hanno spinto Gaetana a voler intraprendere questo mestiere e abbandonare quello di farmacista per cui aveva studiato seguendo i desideri del padre. Ha iniziato il suo percorso portando i suoi vini negli Stati Uniti cercando di far conoscere il vino siciliano all’estero, per poi tornare nella sua Sicilia orientale con l’obiettivo di lavorare al vino al lei più caro, il Cerasuolo. Nel 2019, con l’enologo piemontese Carlo Casavecchia, dopo 5 anni di invecchiamento in cantina, ha presentato la prima annata di Iri di Iri, il Cerasuolo di Vittoria Cru Docg classico, confermando la sua profonda convinzione che potesse essere un vino di lungo invecchiamento. Una vera scommessa sul territorio, quella di Gaetana, che con il progetto 7 terre per 7 vini ha valorizzato i vigneti siciliani associando a ogni vino il terreno più idoneo, tutte coltivazioni certificate bio.

Read more…

8 q

Sicuramente non esiste dieta che nello stesso piatto preveda la combinazione di pasta e patate. Ma se non ne stiamo seguendo una, questo primo siciliano è una vera bomba di bontà. La pasta con le patate “aggrassate” è una ricetta povera della cucina dell’Isola perciò se abbiamo poco tempo per preparare il pranzo e molta fame è il piatto ideale. E non pensiamo alla dieta, ma beviamoci su un bicchiere di Nero d’Avola Bellifolli.

Read more…

8 q

La grande peculiarità della cucina siciliana è quella di rendere goloso anche un ingrediente che non tutti amano, come il broccolo.
Con l’aggiunta di ingredienti saporiti e tipici della tradizione culinaria sicula
, anche i broccoli possono trasformarsi in un piatto appetitoso e ideale per una cena veloce gustosa. 

Sappiate però che a tavola con questa ricetta non può mancare Il Moro D.O.C. Sicilia Nero d’Avola.

Read more…

8 q

Giovedì 14 novembre nella galleria Quid di Palermo è stata inaugurata la mostra di Caterina Guttuso “Tornatore nella pittura”, una celebrazione del cinema di Peppuccio Tornatore.
La pittrice ha cercato di cogliere e intrappolare in una tela l’essenza di dieci dei film più significativi del regista, abbinando ad ogni quadro un piatto della tradizione siciliana e, di conseguenza un vino.
I cinque sensi sono i protagonisti nel vivere questo progetto. Lo chef della galleria Quid ha rielaborato le suggestioni della pittrice, rispettandone lo spirito e aggiungendo la sua interpretazione ai piatti da lei proposti. I vini della cantina Valle dell’Acate, abbinati ai menu, completano l’esperienza enogastronomica, arricchendola di piacevolezza e sicilianità.

8 q
Macco di fave
07Nov
2019

le ricette di gaetanaQuando la temperatura si abbassa la cucina può aiutarci a riscaldare il palato e anche il cuore.
C’è un piatto della tradizione siciliana che mette insieme gusto e genuinità, parliamo del macco di fave. Una crema saporita e semplice da preparare che si abbina sia ad un rosso giovane come il nostro Nero d’Avola Bellifolli che ad un bianco più complesso e profumato come il nostro Grillo Zagra. Scegliete voi!

Read more…

8 q

 

 

 

 

Anche quest’anno Valle dell’Acate partecipa al Merano Wine Festival dal 9 al 11 novembre.
Ci potete trovare presso la Goethesaal, 317

La nostra cantina è stata selezionata con i seguenti vini:
– Il Frappato Vittoria DOC 2018
– Tané 2014

8 q
Sarde fritte
29Ott
2019

gaetana jaconoLe sarde sono un ingrediente molto presente nel panorama gastronomico siciliano: possono diventare un secondo gustoso e facile da preparare, soprattutto se impanate e fritte. Per rendere perfetto il vostro pranzo manca solo il vino giusto. Scegliete quindi il nostro Bidis – Sicilia D.O.C. Chardonnay e servitelo ben freddo.

 

Read more…

8 q

Pochi semplicissimi ingredienti sono alla base di uno dei piatti tradizionali della cucina siciliana, trapanese per la precisione. Nella punta più occidentale dell’isola un “must” è il pesto usato come condimento ideale per un primo oppure come gustoso antipasto su croccanti bruschette.
Rosso è il pesto e rosso il vino che lo accompagna: scegliete il nostro Nero d’Avola Bellifolli in abbinamento!

Read more…

di Manlio Giustiniani

La mia estate è stata ovviamente all’insegna di Champagne rosé, ma altrettanto ovviamente ho trascorso qualche giorno di vacanza nella mia Sicilia. E uno dei ricordi più indelebili è stato un maialino dei nebrodi al mandarino e rosmarino in abbinamento all’ultimo vino di casa Valle dell’Acate, il Cerasuolo di Vittoria “Iri da Iri”, servito leggermente fresco. L’avevo già degustato tempo prima, assieme Gaetana Jacono, l’anima solare dell’azienda.
Il suo “grande sogno”, infatti, è un’azienda agricola perfetta, contemporanea, sostenibile e grazie alla ricchezza e alla tradizione di 6 generazioni di imprenditoria agricola, unita alla sua visione e al lavoro quotidiano, questo sogno è sempre più vicino. Una sfida da vincere per le generazioni future.
Il punto di partenza è la terra, dalla quale è nato il progetto “7 terre per 7 vini” frutto di 50 anni di sperimentazioni, prima empiriche poi analitiche, che hanno indicato il terreno giusto caratterizzante la vigna, con un’espressione unica del vino.
Da quando Gaetana si occupa dell’azienda, vent’anni oramai, la produzione è passata da 30.000 a 400.000 bottiglie. Negli anni hanno ristrutturato gli edifici storici, il palmento, l’antica dispensa, e hanno costruito la nuova barricaia, con un’architettura semplice e razionale.
La parola chiave dell’azienda quindi è innovare. Un’innovazione che, grazie anche alle particolari condizioni climatiche della Sicilia, diventa naturalmente “sostenibile”. E la filosofia personale di Gaetana si racchiude in questo conetto: “piccole cose che fanno le grandi cose”. Read more…

A volte un contorno può diventare il protagonista delle nostre cene. È il caso della caponata alla siciliana, una ricetta tradizionale dell’isola che con i suoi colori e il suo sapore unico sedurrà i palati di tutti a tavola. Ad accompagnare questo piatto sulla scena ci sarà lo Zagra D.O.C Sicilia Bianco.

Read more…

torna su