menu +

News ed eventi recenti


8 q

Sicuramente non esiste dieta che nello stesso piatto preveda la combinazione di pasta e patate. Ma se non ne stiamo seguendo una, questo primo siciliano è una vera bomba di bontà. La pasta con le patate “aggrassate” è una ricetta povera della cucina dell’Isola perciò se abbiamo poco tempo per preparare il pranzo e molta fame è il piatto ideale. E non pensiamo alla dieta, ma beviamoci su un bicchiere di Nero d’Avola Bellifolli.

Read more…

8 q

La grande peculiarità della cucina siciliana è quella di rendere goloso anche un ingrediente che non tutti amano, come il broccolo.
Con l’aggiunta di ingredienti saporiti e tipici della tradizione culinaria sicula
, anche i broccoli possono trasformarsi in un piatto appetitoso e ideale per una cena veloce gustosa. 

Sappiate però che a tavola con questa ricetta non può mancare Il Moro D.O.C. Sicilia Nero d’Avola.

Read more…

8 q

Giovedì 14 novembre nella galleria Quid di Palermo è stata inaugurata la mostra di Caterina Guttuso “Tornatore nella pittura”, una celebrazione del cinema di Peppuccio Tornatore.
La pittrice ha cercato di cogliere e intrappolare in una tela l’essenza di dieci dei film più significativi del regista, abbinando ad ogni quadro un piatto della tradizione siciliana e, di conseguenza un vino.
I cinque sensi sono i protagonisti nel vivere questo progetto. Lo chef della galleria Quid ha rielaborato le suggestioni della pittrice, rispettandone lo spirito e aggiungendo la sua interpretazione ai piatti da lei proposti. I vini della cantina Valle dell’Acate, abbinati ai menu, completano l’esperienza enogastronomica, arricchendola di piacevolezza e sicilianità.

8 q
Macco di fave
07Nov
2019

le ricette di gaetanaQuando la temperatura si abbassa la cucina può aiutarci a riscaldare il palato e anche il cuore.
C’è un piatto della tradizione siciliana che mette insieme gusto e genuinità, parliamo del macco di fave. Una crema saporita e semplice da preparare che si abbina sia ad un rosso giovane come il nostro Nero d’Avola Bellifolli che ad un bianco più complesso e profumato come il nostro Grillo Zagra. Scegliete voi!

Read more…

8 q

 

 

 

 

Anche quest’anno Valle dell’Acate partecipa al Merano Wine Festival dal 9 al 11 novembre.
Ci potete trovare presso la Goethesaal, 317

La nostra cantina è stata selezionata con i seguenti vini:
– Il Frappato Vittoria DOC 2018
– Tané 2014

8 q
Sarde fritte
29Ott
2019

gaetana jaconoLe sarde sono un ingrediente molto presente nel panorama gastronomico siciliano: possono diventare un secondo gustoso e facile da preparare, soprattutto se impanate e fritte. Per rendere perfetto il vostro pranzo manca solo il vino giusto. Scegliete quindi il nostro Bidis – Sicilia D.O.C. Chardonnay e servitelo ben freddo.

 

Read more…

8 q

Pochi semplicissimi ingredienti sono alla base di uno dei piatti tradizionali della cucina siciliana, trapanese per la precisione. Nella punta più occidentale dell’isola un “must” è il pesto usato come condimento ideale per un primo oppure come gustoso antipasto su croccanti bruschette.
Rosso è il pesto e rosso il vino che lo accompagna: scegliete il nostro Nero d’Avola Bellifolli in abbinamento!

Read more…

di Manlio Giustiniani

La mia estate è stata ovviamente all’insegna di Champagne rosé, ma altrettanto ovviamente ho trascorso qualche giorno di vacanza nella mia Sicilia. E uno dei ricordi più indelebili è stato un maialino dei nebrodi al mandarino e rosmarino in abbinamento all’ultimo vino di casa Valle dell’Acate, il Cerasuolo di Vittoria “Iri da Iri”, servito leggermente fresco. L’avevo già degustato tempo prima, assieme Gaetana Jacono, l’anima solare dell’azienda.
Il suo “grande sogno”, infatti, è un’azienda agricola perfetta, contemporanea, sostenibile e grazie alla ricchezza e alla tradizione di 6 generazioni di imprenditoria agricola, unita alla sua visione e al lavoro quotidiano, questo sogno è sempre più vicino. Una sfida da vincere per le generazioni future.
Il punto di partenza è la terra, dalla quale è nato il progetto “7 terre per 7 vini” frutto di 50 anni di sperimentazioni, prima empiriche poi analitiche, che hanno indicato il terreno giusto caratterizzante la vigna, con un’espressione unica del vino.
Da quando Gaetana si occupa dell’azienda, vent’anni oramai, la produzione è passata da 30.000 a 400.000 bottiglie. Negli anni hanno ristrutturato gli edifici storici, il palmento, l’antica dispensa, e hanno costruito la nuova barricaia, con un’architettura semplice e razionale.
La parola chiave dell’azienda quindi è innovare. Un’innovazione che, grazie anche alle particolari condizioni climatiche della Sicilia, diventa naturalmente “sostenibile”. E la filosofia personale di Gaetana si racchiude in questo conetto: “piccole cose che fanno le grandi cose”. Read more…

A volte un contorno può diventare il protagonista delle nostre cene. È il caso della caponata alla siciliana, una ricetta tradizionale dell’isola che con i suoi colori e il suo sapore unico sedurrà i palati di tutti a tavola. Ad accompagnare questo piatto sulla scena ci sarà lo Zagra D.O.C Sicilia Bianco.

Read more…

8 q

Una storia che parte da lontano, che ha visto negli anni diverse generazioni e famiglie incrociare i loro destini profumandoli di sudore, ingegno e vino, lo stesso vino oggi riconosciuto in varie parti del mondo, nelle sue diverse etichette: sette per l’esattezza così come altrettanti sono i terreni in cui le diverse cultivar vengono impiantate e le cui uve vengono poi trasformate seguendo le indicazioni del noto enologo Carlo Casavecchia.

Oggi questa storia, quella di Valle dell’Acate, si profuma anche di cose buone da mangiare. Accanto alla storica cantina, c’è la Casa del Gelso nata da un’idea dell’ospitalità di Gaetana Jacono. Bella, energica, solare accoglie qui i suoi ospiti per narrare la storia del Cerasuolo di Vittoria, unica Docg dell’isola, che si intreccia a quello della sua famiglia e alla sua passione per il vino. È lei che insieme ad altri ha contribuito a quella sorta di rivoluzione del vino, di cambio generazionale, che ha fatto decollare la Sicilia enoica. Dopo una passeggiata per vigneti e visita all’antico palmento, si fa tappa alla Casa del Gelso, dove la stessa Gaetana ama cucinare e conversare con i suoi ospiti. “È a tavola, con gli amici, gustando cibi di qualità e conversando piacevolmente che si esalta il vino: il vino non sta mai da solo, sarebbe un peccato – afferma Gaetana- .

Per questo a Valle dell’Acate, accanto agli edifici ricchi di storia della Dispensa e del Palmento dove organizziamo le degustazioni e gli eventi per gruppi di persone, è possibile (su prenotazione) pranzare in una vera e propria casa colonica dove, in un unico corpo, si sviluppano in linea, seguendo il ritmo vitale dello svolgersi di una giornata, la cucina, la sala per la colazione, il pranzo e le degustazioni, il salotto e una camera dove riposare dopo il pranzo. Un luogo che celebra il convivio, la tavola e la cucina tradizionale siciliana”. Solo pochi posti a sedere, da quattro a 12: qui si può riscoprire il piacere di mangiare e bere in luogo familiare, intimo. I piatti proposti da Gaetana sono ricchi di gusto, sorprendenti per i profumi e gli ingredienti che rievocavano la Sicilia, la terra in cui è nata Gaetana: bravissima in cucina avendo avuto a modello una nonna che studiò in un collegio a Palermo acquisendo le conoscenze della cucina francese dell’epoca. Da lei apprese la raffinatezza nella creazione di certi piatti che però ha voluto rivedere inserendo dei tocchi di sicilianità.

Fantastici i vini abbinati fra cui un eccellente Cerasuolo di Vittoria Docg che anche in estate servito alla giusta temperatura risulta piacevolissimo da bere, sposando si bene a piatti di pesce.

VISUALIZZA L’ARTICOLO COMPLETO
Cook Magazine.it

torna su