menu +

Dicono di noi


di Emanuele Scarci

Enologia. Per Frappato, Cerasuolo, Etna e Catarratto non si arresta la crescita sui mercati

[…] «Il successo del vino siciliano – esordisce Gaetana Jacono, titolare della cantina ragusana Valle d’Acate – sta nella percezione della territorialità dei nostri vini. Dopo l’ubriacatura del Nero d’Avola e la crisi successiva, i consumatori hanno maturato una percezione diversa del vino siciliano, ora legata anche al Frappato, al Cerasuolo, all’Etna, al Catarratto».
Anche Francesco Ferreri, presidente di Coldiretti Sicilia, rileva «il momento magico del vino siciliano. Ci aiuta moltissimo il boom del turismo nell’isola che da qualche anno cresce a due cifre».

Read more…

Cerasuolo e Frappato hanno riportato alla sua terra una farmacista mancata

La famiglia Jacono lavora con il vino da sei generazioni, da quando il trisavolo dell’attuale responsabile di Valle dell’Acate, Gaetana Jacono, imbarcava su grandi velieri che partivano da Scoglitti le botti che poi sarebbero arrivate a Marsiglia. È quindi nipote e figlia d’arte Gaetana, 48 anni e una carriera che doveva essere da farmacista.

Read more…

Giovedì 12 ottobre è stata la serata de La Vendemmia in Montenapoleone. Pambianco Tv ha intervistato i vip del vino e della moda presenti per l’occasione nelle boutique del quadrilatero della moda. Tra i presenti: Renzo Rosso (Diesel), Camilla Lunelli (Ferrari), Fabio Gnocchi*(Aspesi), Dario Rossetti (Fratelli Rossetti), Gaetana Jacono (Valle dell’Acate). Questa settimana la manifestazione si trasferisce a Roma, dove per la prima volta i grandi vini saranno abbinati ai big della moda in via Condotti.

Guarda l’intervista a Gaetana Jacono al minuto 6’38”.

Guarda il video dell’intervista a Gaetana Jacono (al minuto 3’04’) durante la Vendemmia di via Monte Napoleone a Milano.

di Caterina Di Iorgi

La Vendemmia Milano Via Montenapoleone 2017: tutti gli appuntamenti esclusivi nelle boutique di lusso

Dal 9 al 15 ottobre si tiene a Milano l’ottava edizione dell’appuntamento con il mondo vitivinicolo che anima le vie della moda. Dal 16 al 22 ottobre l’evento si sposta per la prima volta a Roma per essere successivamente “esportato” a Shanghai. Scopri tutti gli appuntamenti su Deluxeblog

In seguito al successo che da anni riscuote a Milano “La Vendemmia”, l’appuntamento – ideato e promosso da MonteNapoleone District per far vivere una esperienza unica che sottolinea un saper vivere tutto italiano – viene per la prima volta organizzato anche a Roma subito dopo quello milanese che si tiene fino al 15 ottobre nel Quadrilatero della moda. Realizzato in collaborazione con il Comitato Grandi Cru d’Italia, l’evento, giunto alla sua ottava edizione, ha il pregio di far incontrare i marchi della moda con i più importanti protagonisti nazionali ed internazionali del mondo vitivinicolo.

Read more…

La cantina Valle dell’Acate e la Pasticceria Di Pasquale a Milano per la “Vendemmia in via Monte Napoleone” chez Venini

È un viaggio nella tradizione e nei profumi intensi dell’Italia quello che Valle dell’Acate, cantina da cento ettari della Sicilia sud orientale gestita da Gaetana Jacono e Venini, la più grande fornace artigianale di Murano, presenteranno giovedì 12 ottobre dalle 19.30 alle 21,30 in via Monte Napoleone 10 a Milano in occasione de “La Vendemmia di via Monte Napoleone”.
Incontro inedito tra due aziende storiche del bel Paese, il nord di Venini e il Sud di Valle dell’Acate, per raccontare e celebrare l’espressione autentica di chi lavora per produrre eccellenza. Vino e vetro, tradizione artigiana e design senza tempo. E a rendere ancora più dolce la serata, la Pasticceria Di Pasquale, eccellenza ragusana.

Read more…

di Caterina di Iorgi

Deluxeblog vi presenta Valle dell’Acate, la maison siciliana del vino di Gaetana Jacono. Guarda la video intervista!

Valle dell’Acate sorge nel Feudo Bidini, tra i colli sinuosi formati dal fiume Dirillo, in provincia di Ragusa e custodisce il sapere di generazioni di imprenditori agricoli, l’amore per la propria terra e il gusto per l’eccellenza di una grande famiglia.
Fu Giuseppe Jacono, per primo, ad avviare la produzione vitivinicola, aprendo la cantina alla fine del XIX secolo, quando Vittoria era il centro siciliano più attivo nell’esportazione del vino destinato al mercato francese. Da allora, tale vocazione è stata custodita e tramandata e, negli ultimi decenni, è andata specializzandosi nella coltivazione dei vitigni autoctoni siciliani più caratterizzanti e di maggior potenziale, uno su tutti il Cerasuolo di Vittoria.

Read more…

LA FELICITÀ A TAVOLA? TRE PENSIERI A CONFRONTO

“Poco ma di tutto”
Gaetana Jacono Gola . Cantine Valle dell’Acate, Acate (RG)

Viaggio molto per i miei vini, quindi sono spesso a tavola coi clienti o con gli amici, a Milano o nella tenuta di Valle dell’Acate, in Sicilia. Per sentirmi a mio agio con me stessa ho messo a punto un format quotidiano. Un’ottima prima colazione con cereali, yogurt, frutta; un mezzogiorno molto frugale, magari con mandorle, noci, semi; una cena leggera con una zuppa, pesce, verdure. Quando ho ospiti, mangio di tutto ma poco. E la mattina dopo, corsa o yoga.

Visualizza l’articolo completo:
LA CUCINA ITALIANA

 

 

8 q

[…] DA SCOGLITTI A PUNTA BRACCETTO: LA SIGNORA DEL VINO E LO SCULTORE

The House of Pairings, la casa degli abbinamenti, è il nome di un’esperienza prenotabile alla Casa del Gelso, una grande dépendance in pietra della Tenuta Valle dell’Acate, azienda vinicola a 20 minuti dal mare blu di Scoglitti. Si entra nella proprietà attraversando un meraviglioso viale di palme. La proprietaria, Gaetana Jacono, siciliana verace che fa la spola fra qui e Milano, da quest’anno organizza degustazioni verticali dei suoi vini da abbinare ai piatti dello chef Davide Di Corato. Menu speciali per gustare, per esempio, il frappato Zagra e il Nero d’Avola Tané (vezzeggiativo, in siciliano, di Gaetana). Solo 12 persone per volta possono prenotare questa full immersion di eccellenze del Sud, accompagnata, per chi vuole, da un corso per imparare a fare la pasta in casa.

Visualizza l’articolo completo:
VIAGGI.CORRIERE.IT

di Andrea Cuomo

ROSSI: STATE FRESCHI
Serviti a temperature basse? Si può. Basta scegliere la tipologia più adatta

A qualcuno piace freddo. O meglio: fresco. Per sfuggire alla dittatura del vino bianco e delle bollicine durante i mesi della canicola, e per chi non ama quell’ircocervo enologico che è il rosé, non c’è che una strada: scegliere un vino rosso adatto e fargli fare una passeggiatina in frigo prima di servirlo. Oppure, ancora meglio, metterlo in una glacette con un po’ acqua, sale grosso e ghiaccio. Giusto per dargli quel po’ di sprint che lo renda piacevole e dissetante senza appesantirci. Evitando però (attenzione) di cadere nell’opposto, l’effetto-vodka. Ormai anche i più integralisti tra gli enoappassionati si sono rassegnati: rosso e fresco (ripetiamo: fresco e non freddo) si può. alla faccia delle regole per cui un vino tannico non potrebbe essere bevuto al di sotto dei sedici gradi. Invece ora è permesso spingersi più in basso, ai dodici e perfino ai dieci gradi, ben sapendo che tanto la temperatura del bicchiere salirà in pochi minuti.

Read more…

torna su