menu +

Dicono di noi


“L’idea, che nasce da La Vendemmia di Parigi a Montmartre – continua Amoruso Manzari ­, è stata importata a Milano nove anni fa da Montenapoleone District e abbiamo in esclusiva il nuovo format su Roma dall’altr’anno. Obiettivi sono quelli di dare al settore retail un supporto per incrementare le vendite costruendo un evento democratico che dia una spinta a tutto il settore offrendo le stesse opportunità e coinvolgendo in un unico evento tutte le boutique aderenti”.
“Far vivere il territorio in forma accessibile e fruibile incentivando cultura, turismo e qualità è sicuramente un obiettivo che ci lega allo spirito de La Vendemmia – afferma Sabrina Alfonsi, presidente del Municipio I di Roma – e la valorizzazione delle aree del centro storico non può che essere un incentivo a migliorare la nostra immagine agli occhi del cittadino e del turista straniero”.

Urbano Barberini, intervenuto in veste di rappresentante dell’Associazione Dimore Storiche, ha ricordato come in tale occasione verranno aperti alcuni palazzi privati per visite private ed esclusive, così come sarà possibile accedere alle cantine vinicole appartenenti ai proprietari delle dimore storiche per degustazioni personalizzate, luoghi ricchi di storia personale, oltre che siti di produzione enologica.
E, a proposito delle degustazioni nelle oltre 60 boutique, oltre a numerose cantine indipendenti sarà coinvolto il Comitato Grandi Cru d’Italia, presieduto da Paolo Panerai ed ereditato dall’omonima vendemmia milanese: il comitato racchiude le 100 etichette italiane che hanno avuto più di 93 punti per dieci anni consecutivi.
Essendo il mercato del lusso italiano assorbito per il 30% dal mercato dei cinesi, è un partner indispensabile alla Vendemmia la Fondazione Italia­Cina: presente in sala oggi, in sua rappresentanza, Andrea Canapa. La Fondazione è infatti fonte di informazione di dati e di aggregazione delle aziende cinesi che operano in Italia e delle aziende italiane integratesi al commercio cinese e, nell’ambito della manifestazione, presenterà il progetto Moutai, distillato di cereali (frumento e sorgo) dalla gradazione di 53°, piuttosto nuovo nel panorama alcolico italiano ma che in Cina è oramai diventato uno status symbol.

Di seguito la lista delle Boutique, Cantine e Ristoranti coinvolti:
[…] Malo | Valle dell’Acate

Visualizza l’articolo completo:
VELVET MAG.IT


torna su