menu +

Dicono di noi


di Alberto del Giudice

IL FESTIVAL DELLA MUSICA CONTEMPORANEA DI MILANO È ANCHE L’OCCASIONE PER TRASMETTERE UN MESSAGGIO DI SPERANZA, CHE PARTE DALLA SICILIA E ATTRAVERSA I MARI

Ogni progetto ideato e promosso da Gaetana Jacono, che insieme con Francesco Ferreri, conduce la cantina siciliana di Valle dell’Acate, nasce da una sincera passione personale. Quella per il proprio territorio, per cui produrre vino significa anche fare conoscere il meglio della Sicilia nel mondo. Quella per la buona tavola e il cibo, da cui è nata l’iniziativa The House of Pairings con proposte di abbinamenti davvero formidabili. E quella per la musica. Passioni tutte portate avanti con entusiasmo e intelligenza. Con la consapevolezza, cioé, che il vino è, tra le altre cose, un efficace veicolo culturale.

Il cibo e il vino in comune con la musica parlano un linguaggio universale. Davanti a un calice di Grillo e con nel piatto una caponatina di Filippo La Mantia, mentre conversiamo con Gaetana ne siamo ancora più convinti. Per questo, da almeno un anno Valle dell’Acate supporta Music Fund, un’organizzazione internazionale partner di Milano Musica, la cui attività principale è riparare strumenti musicali e invierli a Paesi in via di sviluppo e in luoghi di conflitto con lo scopo di sviluppare laboratori, scuole di musica e orchestre vere e proprie.

Un’iniziativa, insomma, come quella nata in Venezuela grazie al Sistema Abreu. Pertanto, più che di un messaggio, parliamo davvero di tanti messaggi. Almeno uno per ogni bottiglia o bicchiere.

Se lo scorso anno con il sostegno della cantina siciliana e Musica Milano sono stati donati ben 240 strumenti musicali alle istituzioni mozambicane, quest’anno, in occasione del festival musicale di Milano, Gaetana Jacono lancia l’iniziativa del “bicchiere solidale” il 22 novembre presso il rinato Teatro Girolamo, prima del concerto di Gaetano Sciarrino. Valle dell’Acate quindi riparerà uno strumento per donarlo a un giovane musicista che avrà modo di eseguire un concerto in Italia con il suo strumento il 18 dicembre.

Sul palco del Teatro Gerolamo, sale il Quartetto Prometeo, che interpreta Ombre nel mattino di Piero. Quartetto n. 9 (2012), composto da Sciarrino, insieme al Quartetto n.7 (1999) dello stesso Sciarrino, e il Quartetto in fa maggiore (1902/03) di Maurice Ravel.

Tutto questo mentre Valle dell’Acate porta sulle nostre tavole un prestigioso settetto di vini guidato dal suo più rappresentativo Frappato, testimonial nel mondo della migliore viticultura siciliana, che include anche la Cerasuolo di Vittoria D.O.C.G, lo Chardonnay Bidis, il Grillo Zagra, il Nero d’Avola Il Moro,il Syrah Rusciano e il selezionatissimo Nero d’Avola Tané.

Visualizza l’articolo completo:
GQ ITALIA

 


Lascia un commento

torna su